h1

In buone mani – Top 5 quindicesima giornata

dicembre 7, 2010

Eccoci arrivati al secondo appuntamento con “In buone mani”. Innanzitutto vorrei scusarmi per l’assenza di settimana scorsa, ma ho avuto problemi con la connessione e, non essendo nemmeno in Italia, non avevo alternative se non essere negligente nell’assolvenza del compito che mi sono prefissato di portare a termine. Vi chiedo scusa.

Ma ora siamo qui a commentare i cinque portieri che più si sono distinti in questa giornata. Un lungo weekend un po’ fiacco a dire la verità, almeno per quanto riguarda le prestazioni dei portieri, alcuni dei quali particolarmente sfortunati alla conclusione dei 90 (e più) minuti di gioco. Ecco di seguito la top five di questa settimana.

  1. Al primo posto ritroviamo Sirigu [NAPOLI 1 – 0 PALERMO], voto 7,5. È lui a tenere a galla il suo Palermo in una notte magica per il Napoli, che ha disputato veramente un’ottima partita, interpretandola benissimo dal primo minuto fino agli istanti conclusivi. Sirigu si è dimostrato sempre all’altezza della situazione, risultando decisivo in alcune situazioni. All’8’ grande parata su un potente diagonale a mezza altezza di Maggio. Parata resa ancor più difficile da un’involontaria deviazione della difesa. All’81’ parata stilisticamente di poco effetto ma dalla grande importanza: incursione in area di Maggio dalla destra, che sul fondo mette in mezzo a rasoterra un assist davvero interessante, ma Sirigu è pronto alla deviazione di piede sul palo. Come dicevo, poco spettacolare, ma decisiva, perché quello era un gol fatto. Pochi minuti dopo, all’85’, salva con un bel tuffo un grande tiro dalla distanza di Yebda, riuscendo a deviare con la punta delle dita in corner. Il gol subito al 94’ è il classico gol in cui il portiere non può davvero mai farci nulla: da solo contro due attaccanti solissimi. Un’altra ottima prestazione per un portiere che sembra voglia sempre di più ribadire la sua candidatura da titolare per la maglia azzurra.
  2. In seconda posizione abbiamo Michael Agazzi [FIORENTINA 1 – 0 CAGLIARI], voto 7. Il lombardo portiere del Cagliari è protagonista sicuramente di una buona prestazione, abbastanza inutile, suo malgrado, al termine della partita. Subisce un gol, è vero, ma ne evita almeno altri due già fatti. Andiamo con ordine. Il tutto, o quasi, succede nel secondo tempo. All’8’ della ripresa Fiorentina in vantaggio: punizione per la squadra di casa, cross dentro e Mutu insacca di testa. Agazzi incolpevole, o quasi. Al massimo poteva farsi trovare un mezzo passo indietro, ma forse le cose non sarebbero cambiate. Al 56’ Agazzi si supera con una prodezza sul colpo di testa da centro area da parte di Ljajic, lasciato decisamente colpevolmente libero di staccare. Splendida parata, difficile e pure perfetta per i fotografi. Infine tiene nuovamente accesa la speranza per il Cagliari allo scadere, precisamente al 93’, salvando miracolosamente un tiro di uno scatenato Vargas, che però si fa parare il rasoterra dal portiere in uscita. Insomma, se il Cagliari ne ha preso solo uno di gol, deve ringraziare il suo portiere (e la linea difensiva che sa attuare la tattica del fuorigioco).
  3. Entra in questa classifica, al terzo posto, anche un veterano della Serie A, Luca Castellazzi [LAZIO 3 – 1 INTER], voto 7. Diciamo che gli va bene che in questa giornata di super prestazioni di portieri se ne sono viste poche, perché entrare nella top 5 prendendo 3 gol, insomma… 22 tiri per la Lazio in questa partita sono fruttati 3 gol. Ora, per semplificare le cose ometterò le occasioni “minori” per concentrarmi di più sugli episodi decisivi. Al 18’ del primo tempo Castellazzi si supera con un ottimo intervento su colpo di testa – quasi a pallonetto – di Floccari. Parata non facile perché oltre al movimento laterare il portiere interista ha dovuto anche spostare il peso all’indietro durante il tuffo per arrivare miracolosamente a tirare fuori quella palla dalla rete. Al 27’ Lazio in vantaggio su mischia durante un calcio d’angolo. Castellazzi incolpevole. Anzi, inizialmente aveva fatto pure un’ottima, miracolosa parata sullo stacco di Hernanes. Ma i miracoli, si sa, si fanno uno per volta, mica due insieme. Sul secondo gol della Lazio, firmato al 52’ da Zarate, Castellazzi è incolpevole: uscita alla bell’e meglio su uno svarione difensivo, ma c’era poco da fare su quel tiro da una posizione così ravvicinata. E allo scadere, al 90’ la Lazio mette a segno il suo terzo gol con una punizione di Hernanes leggermente deviata in barriera dalla coscia di Santon. Va bene che c’è stata la deviazione di Santon, ma se il pallone entra da quella parte della porta… C’è un motivo se uno dei due pali viene chiamato “palo del portiere”, e non è perché l’estremo difensore ha marcato il territorio prima della partita. Unica vera macchia di Castellazzi in una partita non facile per lui e per l’Inter, dove però ha fatto tutto il possibile, anche con interventi di poco rilievo di cronaca, risparmiando all’Inter una figuraccia ben peggiore.
  4. Alla quarta posizione ritroviamo anche Abbiati [MILAN 3 – 0 BRESCIA], voto 7. Solo poche righe per lui in una serata trionfale per il Milan. Buona la prestazione del Brescia, ma il portiere rossonero dopotutto è stato impegnato solo per tre volte nell’arco dei novanta minuti. Solo una parata degna di nota, ma che parata ragazzi! Forse una delle migliori che abbiamo finora visto in questa stagione. Siamo al 16’ del primo tempo, il Brescia attacca, preciso il cross di Hetemaj per Caracciolo che si fa trovare pronto al centro dell’area con una perfetta sforbiciata o rovesciata che dir si voglia, potentissima, indirizzata verso il centro della porta. Abbiati è bravissimo a piegarsi su se stesso tenendo la palla in gioco proprio mentre stava per passare la linea. Splendida parata davvero. Complimenti anche a Caracciolo per il gesto atletico. Da quel momento in poi gli attacchi del Brescia si sono rivelati un po’ troppo sterili per impensierire l’ormai diventato “portierone” del Milan. Forse prestazione non decisiva vista la partita del Milan, ma comunque la soddisfazione personale deve essere alta.
  5. Altro miracolato della giornata è Gillet, il portiere in forza al Bari [SAMPDORIA 3 – 0 BARI], voto 6, che si colloca all’ultimo posto di questa classifica. Se il Bari fosse una grande squadra probabilmente a questo punto le proteste non sarebbero ancora terminate per una gara falsata da un rigore inventato a favore della Samp e un’espulsione a Rossi per due gialli inesistenti. 16’ minuto: Rossi viene ammonito per un fallo di mano in area. L’arbitro indica il dischetto del rigore, Pazzini batte e Gillet è incolpevolmente battuto, buttandosi alla sua sinistra mentre Pazzini tira sul lato opposto. Dal replay si vede però come prima di toccare il braccio di Rossi il pallone prima venga nettamente deviato dalla sua gamba: rigore inesistente. Al 33’ brutto episodio in area blucerchiata: Curci spinge ripetutamente Rossi, che viene inspiegabilmente ammonito per la seconda volta e quindi espulso. Curci davvero è un portiere che non rientra nelle mie grazie: pessimo carattere e, in questo caso, anche parecchio antisportivo. Ma torniamo al nostro Gillet. Nel primo tempo compie un miracolo con i suoi riflessi su un tiro-cross di Guberti dalla sinistra deviato in modo quasi decisivo dalla difesa: Gillet alza la mano e respinge in angolo di pugno. Ottima parata davvero. All’inizio della ripresa altra buona parata del portiere su un insidioso tiro di Pazzini dalla sinistra, con palla indirizzata nell’angolino alla destra di Gillet, che si salva di poco deviando in corner. Al 56’ è totalmente impotente e incolpevole sul gran tiro di Guberti che si insacca nel sette alla sinistra del portiere. Stesso discorso per il terzo gol della Samp, ancora con Guberti 5 minuti più tardi. La deviazione di Gazzi è troppo determinante e mette fuori causa il portiere del Bari. Nemmeno il Buffon dei tempi d’oro avrebbe potuto farci nulla.

Speriamo che la prossima giornata le cose per i venti portieri titolari delle squadre di A migliorino, perché quest’ultima giornata ci ha sì offerto molti gol, ma poche grandi prestazioni decisive da parte dei portieri. Incrociamo le dita e ci riaggiorniamo tra meno di una settimana!

Articolo da me scritto per il blog Serie A News
nella rubrica “In buone mani”

e qui riproposto nel mio spazio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: