h1

Caro Michele ti scrivo

ottobre 14, 2010

Egregio signor Santoro,

Devo premettere che io non sono un suo grande fan e che non sono nemmeno un accanito spettatore della sua trasmissione, nonostante a volte mi capiti di vederla. Le parlo non in qualità di studente ventunenne quale sono, ma in qualità di suo indiretto datore di lavoro, in quanto la televisione per cui lavora è pagata anche con i nostri contributi.

Ora, momentaneamente sono all’estero, in Inghilterra per la precisione, per uno stage lavorativo di tre mesi. Tre mesi, che è quasi la metà di quanto lavora lei in un intero anno, tanto per intenderci. Da stagista ovviamente non vengo retribuito e nelle gerarchie aziendali, com’è giusto che sia, sono l’ultimo, vengo addirittura dopo del computer che dispongo in ufficio, probabilmente. Come detto, non sono pagato, ma di lavoro ne faccio eccome! Niente di straordinario, per carità, non sono meglio di tutti gli altri lavoratori nel mondo, mi faccio le mie belle 7-8 ore di lavoro al giorno e poi sono libero di andare a casa. In quelle 7-8 ore però mi richiedono di fare tutti i compiti più disparati: non solo di portare a termine il progetto che mi hanno assegnato, ma anche vengo, diciamo così, “sfruttato” per i compiti più ingrati, come ogni stagista nel mondo d’altronde. Non ho ancora provato, ma se tra un caffè e l’altro dovessi per sbaglio mandare a fancu..cchiaino uno dei miei superiori mi ritroverei in mezzo alla strada con un bel dolore al didietro per la pedata ricevuta prima di essere buttato fuori.

Quindi direi che lei, con uno stipendio lordo di 662.433 € l’anno, quindi circa 40.000 € a puntata, potrebbe anche abbassare la cresta ed essere un po’ più umile. Sono ormai anni che va avanti con sta storia della censura, eppure se davvero questa censura ci fosse, noi non ne sentiremmo parlare. Perché più se ne parla, più significa che non c’è.

Direi che un modo per rimediare a tutto questo suo imbarazzante atteggiamento sia chiedere scusa a tutti i suoi indiretti datori di lavoro, ossia a noi italiani, che siamo stufi  di vedere un galletto come lei pavoneggiarsi in televisione facendo il martire strapagato con i nostri soldi! 40.000 € a sera, sono la metà di quanto un plurilaureato in medicina prende all’anno dopo una carriera di trent’anni! Ora non le chiedo di abbassarsi lo stipendio, di questo non parlo, ma almeno la smetta di fare sempre la vittima quando poi,  il giovedì seguente, lei è sempre lì come quello prima.

Grazie per l’attenzione.

Annunci

3 commenti

  1. più che una lettera di uno studente di 21 anni che studia e lavora 7/8 ore al giorno, mi sembra uno sfogo d’invidia, ne io ne lei sappiamo cosa facesse Santoro a 21 anni forse si manteneva agli studi senza potersi permettere stage in inghilterra, ma di certo non guardava con la sua stessa prosopopea gente di oltre 60anni.
    se questo è l’inizio della sua futura carriera credo che con tutta la sua inviadia così bene incorporata oin lei non arriverà a guadagnarsi mai quelle cifre oppure potrà anche farlo per un breve periodo come minzolini
    .non se la prenda per ciò che le scrivo ma forse sarebbe meglio che la sua antipatia verso Santoro avesse motivazioni più realistiche e politiche, cosa certa visto anche il suo atteggiamento.
    una lavoratrice di 12/13 ore al giorno senza che provi invidia nemmeno per chi guadagna 2000 euro al mese
    vincenza


    • Gentile Vincenza, ti ringrazio davvero per il tuo commento, fa sempre piacere riceverne, ma magari la prossima volta leggi fino in findo l’intervento prima di commentarlo. Se fossi arrivata alla fine capiresti, o per lo meno dedurresti, che non sono figlio di plurimilionari, quindi mi pare inopportuno scagliarsi contro di me solo perché sono a fare uno stage all’estero. Su questo punto devo informarti che le università italiane offrono delle borse di studio per chi va a fare esperienza all’estero, quindi non è necessario guadagnare chissà che cifra per poter fare quel che faccio io ora.
      Mi piacerebbe che tu mettessi una fonte alla fine del primo paragrafo, sarebbe interessante giustificare quel “di certo” che hai scritto.
      Infine, ti vorrei far notare che evidentemente non hai colto in pieno il cuore del mio discorso. Allora facciamo così: domani vai dal tuo capo, rinfacciagli qualcosa per cui non ti va particolarmente a genio e, per chiudere in bellezza, mandalo a farsi f****** pubblicamente, davanti a tutti i tuoi colleghi possibilmente. Una volta fatto tutto ciò, torna e scrivici un altro commento, specificando se il tuo posto ce l’hai ancora o meno. Facci sapere!


  2. Vincenza, ma dove lo trovi il tempo di rispondere ai blog lavorando 12-13 ore?



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: